“Mille azioni per il futuro”: la campagna di ricapitalizzazione di Altreconomia

 

Per garantire il futuro all’informazione indipendente di Altreconomia occorrono “mille azioni”. Ecco perché la cooperativa editoriale di proprietà collettiva di 653 soci e lettori, tra cui 50 realtà dell’economia solidale, ha deciso di lanciare una campagna straordinaria di ricapitalizzazione. “Mille azioni per il futuro”: attraverso la pagina web è possibile ottenere tutte le informazioni e sottoscrivere le azioni https://soci.altreconomia.it/.

 

La rivista “Altreconomia” è nata nel 1999 da un gruppo di giornalisti e realtà della società civile e dell’economia solidale, con l’obiettivo di affrontare attraverso gli strumenti del giornalismo d’inchiesta i grandi temi economici e sociali.

Da allora e senza interruzioni racconta un’economia differente, ispirata a principi di giustizia sociale e ambientale: storie di fair trade, finanza etica, turismo responsabile, energie rinnovabili, mobilità sostenibile, agricoltura bio, cooperazione, filiere virtuose e Gruppi di acquisto solidali. Una società fondata sulle relazioni e non sul denaro. Tra gli editorialisti c’è anche Maurizio Gritta, fondatore della cooperativa Iris.

 

Oltre al mensile, giunto al numero 227, la cooperativa edita circa 15 libri all’anno, saggi, manuali e guide distribuiti in libreria e nelle botteghe del commercio equo e solidale. Proponendo inoltre al non profit servizi editoriali, di comunicazione e ufficio stampa. Dal 2015 offre alle scuole percorsi di educazione e informazione sui temi della finanza, dell’economia e dei diritti.

 

“Il momento molto è delicato e sarebbe un peccato perdere una rivista preziosa, indipendente, giusta, una voce libera. A chi ci legge, da una vita o da oggi, e non è ancora socio diciamo ‘il momento è ora’ -spiegano gli otto soci lavoratori e i membri del consiglio di amministrazione- a chi lo è già proponiamo di dare nuova linfa, aumentando la propria quota o attivandosi per raccogliere donazioni da terzi o invitare nuovi soci. La quota minima per le persone fisiche è 50 euro, ma si possono sottoscrivere più quote. Il nostro obiettivo è di raccogliere almeno 50mila euro per far fronte all’emergenza e rilanciare la nostra attività”. Anche le persone giuridiche possono aderire. Tutte le informazioni qui: https://soci.altreconomia.it/.

 

 

 

 

altreconomia

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Email
  • Print