Vi raccontiamo il trasloco nel nuovo pastificio IRIS, rendendovi partecipi di questo grande cambiamento

 

Abbiamo fatto una nuova costruzione in bioedilizia, le pareti in legno e grandi vetrate, un giardino pensile, l’impianto fotovoltaico tutto questo per avere un basso impatto energetico e per il benessere dei lavoratori.
In poche parole abbiamo tentato di rispettare la nostra missione: rispetto ambientale e rispetto dei lavoratori con la salvaguardia e sviluppo dei posti di lavoro. Abbiamo pensato alle acque reflue perché anche se un pastificio produce pochi rifiuti abbiamo voluto immettere le acque nei fossi di irrigazione, per questo è stata fatta la fitodepurazione. Insomma una meraviglia di luogo… siamo passati da un pastificio che ormai stava in piedi con grandissime difficoltà ad un luogo di lavoro bello, funzionale, confortevole.

Tutto questo è stato costruito non solo in bioedilizia ma anche come è nelle nostre caratteristiche in proprietà collettiva, cioè molte persone hanno investito acquistando le nostre Azioni Mutualistiche permettendoci di
affrontare questo investimento (AREA SOCI)

Le linee di produzione sono tre: la corta, la lunga e i nidi. Questo ci permette come era nel vecchio pastificio di fare tutti i tipi di pasta. Abbiamo acquistato solo trafile al bronzo, la pasta sarà ruvida ad essicazione lenta e con basse temperature. Per capire meglio … le macchine sono lunghe circa 100 metri ed altre 13 metri… stiamo puntando alla miglior qualità.

Il nostro magazzino è informatizzato, completamente le persone che lavorano e preparano gli ordini hanno un palmare che si calza sulla mano e leggono ogni cartone movimentato, questo ci permette di tendere ad errori quasi zero. Abbiamo migliorato il processo di preparazione ordini per dare a voi un miglior servizio. Per questo abbiamo cambiato anche il programma per il ricevimento degli ordini, sarà ancora più semplice per voi dove potrete verificare il prezzo di ogni prodotto e il totale subito dell’ordinato, inoltre sarà più preciso anche sui prodotti in caso mancanti a magazzino.

Certo è che tutte queste novità ci hanno complicato un po’ le cose… i lavoratori stanno imparando tutto il processo produttivo. Prima si inscatolava tutto a mano con grande fatica ora c’è la macchina che fa questa operazione e prepara anche il pallet la persona lavora con minor fatica ad una temperatura ambientale ottimale, le semole sono impastate sempre a freddo ed il processo iniziale è deciso dal pastaio ma poi l’automatismo ha migliorato il processo di produzione, anche il nostro reparto uffici sta imparando molte cose nuove ed anche la conoscenza migliore dei vari processi produttivi. Ora siamo tutti insieme nello stesso
stabilimento, abbiamo sale di ristoro comuni dove possiamo fare i nostri pasti con tranquillità ma anche bere un caffè. Le relazioni fra i lavoratori di ogni settore sono importanti perché si condividono… gioie e dolori…!

Il vantaggio è anche dal punto di vista dell’HACCP l’auto controllo di produzione e movimentazione, tutto è portato al massimo dell’igiene e inciderà sicuramente anche sui famosi insetti che si ritrovano a volte nella
pasta o nelle farine. Perché qui abbiamo temperature davvero ottime per i nostri prodotti e tutti noi rispettiamo le regole adottate per una miglior igiene.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Email
  • Print