Ricetta di media difficoltà per 4 persone
Preparazione 50 minuti
Attrezzatura: paiolo di rame (se non lo avete anche va bene una pentola con il fondo ben spesso), frusta, e cucchiaio di legno.
Ingredienti: 2 litri d’acqua, un cucchiaio raso di sale integrale, ½ kg di farina di mais integrale IRIS.
Questa ricetta può essere personalizzata a seconda di come vogliamo avere il risultato finale, se vogliamo una polenta dura ben soda aumentare un poco la farina di mais, se vogliamo avere una polenta morbida versare meno farina.

Il segreto per una buona polenta è ovvio una buona farina, ma importante è anche come viene preparata.
L’acqua deve bollire bene, mettere il cucchiaio di sale girare per scioglierlo, versare la farina a pioggia e mescolare con la frusta, questa operazione deve essere lenta, l’acqua non deve perdere l’ebollizione; quando abbiamo finito di versare la farina, coprire con un coperchio e mescolare ogni 15 minuti molto bene ma senza raschiare il fondo o le pareti della pentola. Si consigliano dai 40 ai 50 minuti.
Girare il paiolo su un tagliere di legno preferibilmente rotondo. Si può gustare anche il giorno seguente tagliandola a fette e grigliandole in padella antiaderente.

POLENTA TARAGNA
Aggiungiamo due manciate di farina di grano saraceno IRIS, seguendo la medesima procedura.

POLENTA CUNSA
Quando abbiamo finito di versare la farina, aggiungiamo circa 300 g. di formaggi misti (anche quelli che abbiamo in casa) se sono formaggi saporiti che si fondono è meglio, due cucchiai di burro, quando è a fine cottura aggiungere del parmigiano grattugiato, seguiamo lo stesso procedimento, ma la verseremo in un contenitore non nel tagliere.

Bio-Chef-Montanari-famiglia
Fulvia Mantovani, socia della Cooperativa Iris e appassionata di Cucina Biologica

Responsabile del Settore Commerciale Solidale che in occasione delle visite aziendali, mette a disposizione della Cooperativa le sue capacità culinarie, molto apprezzate da tutti i visitatori che lasciano la Cooperativa Iris con un valore in più, l’opportunità di aver assaporato piatti semplici ma che restano nel cuore.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Email
  • Print